Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
CENTRO COMMERCIALE EMISFERO
SCHEDA TECNICA
Anno: 2002
Luogo: Monfalcone (GO)
Cliente: Privato
Superficie: mq 30.000
Prestazione: progetto architettonico e interni, direzione lavori

Il Centro si trova in posizione suburbana all'innesto tra le statali che congiungono Gorizia, Venezia e Trieste, in un'area che a venti minuti di percorrenza può contare su un bacino di utenza internazionale di circa 250.000 persone.
La struttura del centro è costituita da un ipermercato di mq 6.000 circa, attestato su una doppia galleria commerciale di 50 negozi di media e piccola dimensione.
Una particolare attenzione è stata riservata agli aspetti ambientali, attraverso uno studio del traffico, il mantenimento della permeabilità del suolo e l'alberatura degli spazi scoperti.
La distribuzione planimetrica è pensata per facilitare l'orientamento degli utenti, in modo di poter ridurre al minimo la segnaletica solitamente necessaria in una struttura piuttosto estesa come questa.
Le gallerie e i mall sono pensati come vie cittadine, ovunque illuminate dall'alto dalla luce naturale, filtrata e schermata in modo da risultare confortevole in tutte le stagioni dell'anno e da consentire di giorno un'illuminazione quasi esclusivamente naturale. L'illuminamento e l'insolazione sono stati misurati in relazione alle caratteristiche climatiche della zona, caratterizzata da estati calde e inverni freddi e ventosi. Particolari accorgimenti sono stati utilizzati per ridurre i consumi energetici durante i mesi caldi, riflettendo all'esterno della struttura una parte dei raggi solari provenienti dall'alto attraverso le vetrate delle gallerie. Apposite schermature sugli accessi pedonali proteggono gli utenti durante le giornate di bora.
I materiali costruttivi scelti vanno dall'acciaio, cristallo, alluminio, calcestruzzo, gres ceramico, sino a quelli naturali e familiari nel territorio: legno e marmo repen, e grigio carnico proveniente dal vicino altopiano.
Credits fotografici: Matteo Piazza