Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
MOSTRA "MADONNE RINASCIMENTALI AL QUIRINALE"
SCHEDA TECNICA
Anno: 2011
Luogo: Palazzo del Quirinale, Roma
Cliente: A.R.P.A.I. Associazione per il Restauro del Patrimonio Artistico Italiano
Prestazione: progettazione e direzione lavori

L'allestimento presenta la Madonna con il Bambino, proprietà della Diocesi di Fiesole, per la quale è stata proposta un' attribuzione a Filippo Brunelleschi e della Madonna con il Bambino di Jacopo Tatti il Sansovino dei Musei Civici di Vicenza.
Accanto ai due capolavori sono presentate alcune opere da essi derivate, destinate a committenze diverse. La mostra, curata da Louis Godart, è occasione di mettere in rilievo la "discendenza" ovvero la filiazione dei capolavori, di copie importanti e di qualità diversa, ora di proprietà pubblica e privata, consentendo lo studio ravvicinato dei modelli restaurati.
La mostra, tenuta nella Sale delle Bandiere a Palazzo del Quirinale, è stata allestita dallo studio Gabbiani & Associati con grandissima attenzione nei confronti delle Madonne esposte, scegliendo di mettere l'intero allestimento al loro servizio. Di qui la scelta di celare quasi completamente le stanze in cui la mostra è stata ospitata, per non distogliere in nessun modo l'attenzione del visitatore dalle opere esposte. Coerentemente con questo principio quindi, i pavimenti sono stati rivestiti di moquette chiara, i soffitti celati da celini di tela anch'essa chiara semitrasparente e i fondali dipinti di nero. I drappi di tela scompaiono solo quando le sculture non sono presenti e la vista è lasciata libera di ammirare anche gli interni delle sale.
Fondamentale attenzione è stata rivolta alle luci sulle Madonne ospitate in teche di vetro, raccontandone i preziosi dettagli. Unico colore presente nell'allestimento il viola chiaro, fondale dei pannelli espositivi che con una discreta illuminazione segnano il percorso creando un'atmosfera raccolta e contemplativa.
L'allestimento improntato alla massima semplicità, è volto a creare un percorso il cui culmine è costituito dalle opere - esposte in bacheche climatizzate e illuminate a led - in un'ambientazione che cerca di ricreare attorno ad esse un ambiente circoscritto e architettonico di tipo domestico.
La mostra, inaugurata il 10 maggio a Palazzo del Quirinale dal Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, è rimasta aperta al pubblico fino al 19 giugno 2011.
Il restauro è stato finanziato da A.R.P.A.I. Associazione per il Restauro del Patrimonio Artistico Italiano, che ha dato avvio al progetto della mostra.

Il materiale fotografico è stato fornito dal Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e da ARPAI (Associazione per il Restauro del Patrimonio Artistico Italiano).