Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
Espandi l'immagine
MOSTRA DEL PREMIO INTERNAZIONALE DEDALO MINOSSE 2010/2011
SCHEDA TECNICA
Anno: 2011
Luogo: Palazzo Barbarano, Vicenza
Cliente: Associazione culturale
Prestazione: progetto e direzione lavori. Curatela

La mostra dell'ottava edizione del premio si è tenuta a Palazzo Barbarano sede del CISA, Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio.

Continua il dialogo tra il premio e l'opera di Andrea Palladio, iniziato con l’esposizione nella Basilica Palladiana dal 2001 al 2006 e proseguito con Palazzo Valmarana-Braga nel 2008.

Il progetto di allestimento vuole dialogare con il palazzo, senza celare gli elementi di pregio che lo connotano, ma anzi esaltandone la bellezza. In tal modo la visita della mostra diventa anche visita ad un'architettura storica, restituita ad un uso contemporaneo. Il dispiegarsi dei pannelli espositivi, articolati al di sotto dell'imposta delle modanature e delle volte in una sorta di decorazione muraria leggera e continua, esalta i sontuosi soffitti del palazzo, sia attraverso il colore dei fondali e della grafica, sia tramite il “racconto” che le luci narrano all'interno dei saloni. Allo stesso modo la continuità dell'allestimento si interrompe nell'incontro con elementi significativi quali i camini, che entrano plasticamente nel gioco di pannelli e pilastri dell'esposizione, o le finestre i cui scorci colorati sulla Contrà Porti fanno da contrappunto reale agli esterni virtuali dei progetti esposti.

Disegni, foto, filmati, plastici restituiscono la ricchezza delle architetture presentate al premio in un dialogo continuo tra passato e presente, tra Vicenza e il mondo, dialogo che si snoda anche attraverso una piccola esposizione di oggetti di design in argento, materiale prezioso che illumina e vivifica le sale. Una testimonianza della “continuità possibile della qualità”, dalla grande alla piccola scala.

Il progetto grafico è stato realizzato da Claudia Cogato Lanza.

Credits fotografici: Arnaldo Dal Bosco

Credits progetto grafico: Claudia Cogato Lanza